Archives par étiquette : donne

Call for Papers: Donne « comuni » nell’Europa della Grande Guerra

Segnaliamo un Call for Papers sulle Donne nella Grande Guerra, in vista di un numero monografico della rivista «Genesis» curato da Roberto Bianchi e Monica Pacini.

Version française dans le fichier ci-joint.

English version in the attached file.

CALL FOR PAPERS
Genesis. Rivista della Società Italiana delle Storiche, 2016, 1
Donne “comuni” nell’Europa della Grande Guerra
Genesis invita a presentare contributi per un numero monografico sulla mobilitazione totale nelle
società europee durante la Prima guerra mondiale.
Il numero si propone come un’occasione di confronto transnazionale sulla partecipazione femminile
alla Grande Guerra – intesa sia come coinvolgimento, diretto e indiretto, sia come resistenza, attiva
e passiva – e sulle sue conseguenze di lungo periodo in termini di processi di nazionalizzazione,
politicizzazione e modernizzazione.
La storiografia internazionale riflette da tempo sulla dimensione qualitativa e quantitativa della
partecipazione delle donne alla guerra e al lavoro (retribuito e volontario) durante il conflitto e nel
dopoguerra; sulla gestione della mobilitazione civile nei rapporti tra fronte e fronte interno, sulle
relazioni di genere nel mercato del lavoro, sui momenti di opposizione al conflitto che concorsero a
creare nuove forme di welfare, sulle iniziative, le divisioni e le contraddizioni del movimento e
delle associazioni femministe.
Sollecitiamo la presentazione di ricerche strutturate sulla comparazione tra contesti nazionali
diversi, che indaghino tempi e modi nei quali la mobilitazione totale coinvolse le donne “comuni”
della piccola e media borghesia (urbana e rurale), di estrazione operaia, artigiana e contadina.
Intendiamo portare l’attenzione su come nei vari Stati e nelle varie fasi della guerra questi segmenti
sociali si rapportarono e reagirono alle richieste, alle pressioni, alla propaganda, alle opere concrete
delle istituzioni, delle imprese e degli organismi della società civile, analizzando la
trasmissione/manipolazione di idee e pratiche, le resistenze, le asimmetrie di potere tra i generi e le
ricadute di questi processi sulle relazioni sociali, familiari e generazionali, nell’ambito del lavoro,
della presenza nello spazio pubblico, della vita quotidiana e dell’intimità.
In quest’ottica saranno privilegiate ricerche che affrontino le seguenti tematiche:
• il protagonismo femminile, nella mobilitazione bellica e nell’opposizione alla guerra;
• l’addestramento a nuovi lavori, funzioni e professioni nel quadro della riorganizzazione dei
rapporti tra sfera produttiva e riproduttiva indotta dalla mobilitazione totale, dalla compressione dei
consumi e dalle crisi sociali;
• i mondi del lavoro e dell’assistenza come luoghi di rimescolamento sociale, di genere e
geografico, di incontro/scontro tra culture, abitudini e linguaggi differenti; le forme di protesta e di
solidarietà agite nei teatri di conflitto sociale e sindacale, sul lavoro, nei mercati, nelle piazze;
• le attività economiche e le politiche sociali che coinvolsero le popolazioni dei territori
occupati;
• le trasformazioni vissute dalle famiglie nelle città e nelle campagne, vicine e lontane dal
fronte, sia nelle diverse fasi della guerra, sia al ritorno dei reduci;
• le ripercussioni del conflitto sulla formazione delle persone (adolescenti e bambine) nate nei
primi anni del XX secolo che vissero la guerra come figlie di mobilitati militari o civili.
Le proposte potranno essere scritte in italiano, inglese o francese; dovranno contenere un abstract
(300 parole al massimo) e un breve profilo scientifico di autrici/autori; e dovranno pervenire entro il
15 maggio 2015 ai curatori del numero, Roberto Bianchi roberto.bianchi@unifi.ite Monica Pacini
monicapacini@libero.it.
L’eventuale accettazione verrà comunicata entro il 30 maggio 2015
Gli articoli selezionati per la pubblicazione (max 50.000 caratteri, spazi e note inclusi) dovranno
essere consegnati in forma definitiva entro il 30 settembre 2015 e saranno sottoposti a peer review,
anonimo nei due sensi.
Saranno presi in considerazione per la pubblicazione articoli in italiano, inglese e francese.

CFP, Genesis 2016, 1